Crea sito

Le 10 peggiori canzoni d’amore di sempre

brjoNon fraintendetemi.
Sono consapevole che ognuno ha i propri gusti e la mia lista non tiene conto della bellezza di una canzone, niente affatto. In questa classifica saranno presenti le peggiori canzoni d’amore che una persona può ascoltare dopo essersi lasciata. Lo sappiamo tutti, d’altronde, che il masochismo di una persona raggiunge l’apice nel momento del dolore: più stai male, più senti la necessità di far cose che ti facciano star peggio.

Siete pronti? Let’s go!
10. Caterina – Francesco De Gregori

Una delle canzoni più sottovalutate di sempre. Di una dolcezza disarmante, capace di commuovere anche chi non si chiama Caterina con la strofa ” ma se soltanto per un attimo potessi averti accanto forse non ti direi niente ma ti guarderei soltanto”.


9. Farewell – Francesco Guccini

Il titolo già dice tutto: Addio, arrivederci, a mai più. Francesco ama vederci strappare foto e gettare souvenir mentre intona “ma ogni storia ha la stessa illusione, sua conclusione, e il peccato fu creder speciale una storia normale”.

8. Verranno a chiederti del nostro amore – Fabrizio De André

Dal grande poeta, un brano che lacera il cuore di chi non si è mai neppure innamorato. Figuriamoci quello di chi se lo trova già spezzato in migliaia di frammenti sul pavimento.

7. Nessun rimpianto – 883

Diciamocelo: per qualche ragione, nell’immaginario comune, Max è l’amico fancazzista che ognuno di noi ha incontrato nella vita. Seppur continua a ripetere per tre minuti di non avere rimpianti, tu ne hai eccome.

6. La descrizione di un attimo – Tiromancino

Video a parte di cui ancora mi sfugge il nesso con la canzone, questo dei Tiromancino è un CAPOLAVORO.

5. L’amore altrove – Francesco Renga / Alessandra Amoroso

Al decimo ascolto prendi la pala e inizi a scavarti la fossa da solo. Il termine lacerante è stato inventato per descrivere questo duetto.

4. Non me lo so spiegare – Tiziano Ferro

In un titolo è riassunta la frase che dopo esserci lasciati ripetiamo a tutti: agli amici, ai familiari, al cane, al gatto, al diario, al computer, alla lampada. Così tante volte da arrivare ad una diagnosi di disturbo ossessivo compulsivo.

3. Mille giorni di te e di me – Claudio Baglioni

Sarà la melodia, ma prima ancora di sentire le parole tenti di soffocarti con il cuscino. Anche la strofa: “chi ci sarà dopo di te, respirerà il tuo odore pensando che sia il mio” non aiuta di certo.

2. Ricordati di me – Antonello Venditti

Antonello non è certo da meno dal momento che deve la sua carriera alle rotture (degli altri, si spera). Ricordati di me, Amici mai, Unica e almeno un’altra trentina di canzoni in grado di strapparti il cuore (e tutti gli altri organi).

1. Perdere l’amore – Massimo Ranieri

In vetta alla classifica troviamo la canzone post-rottura per eccellenza. Vieni lasciato e neppure il tempo di raggiungere il letto che già risuona in tutta la casa il Massimo Nazionale con “e vorresti urlare, soffocare il cielo, sbattere la testa mille volte contro il muro, respirare forte il suo cuscino” […]

ORA TOCCA A VOI: quali sono le canzoni che dopo esservi lasciati avete ascoltato fino a prosciugarvi?

Nora

 

Comments are closed.

Viaggia anche tu sul jet, unisciti alla newsletter!

Viaggia anche tu sul jet, unisciti alla newsletter!

Vuoi essere sempre informato sulle ultime novità relative ai nostri articoli e progetti? Inserisci il tuo nome e la tua email, così potrai seguire il jet in tutti i suoi viaggi.